NOTIZIE UTILI CAMBOGIA

thailandia


DOCUMENTI DI VIAGGIO E VISTI:
Passaporto obbligatorio per l'ingresso nel Paese, con validità residua di almeno 6 mesi al momento dell’arrivo.
Visto d’ingresso obbligatorio al costo di USD 20 (se si fa in aeroporto) o USD 25 (se si fa via terra o porto).  Occorre avere con sé due fototessere formato 4x6. A partire dal 2006, è stata avviata la procedura on-line di E-Visa sul sito del Ministero degli Affari Esteri cambogiano, ma solo per la richiesta di visto turistico. Per la procedura dell’E-Visa viene richiesta la scansione del passaporto e della fototessere, mentre il pagamento verrà effettuato tramite carta di credito. Questa procedura richiede circa tre giorni. Per richiedere l’E-Visa possono essere seguite le istruzioni presenti nel sito: http://www.evisa.gov.kh.   

Durante il soggiorno è necessario portare sempre con sé fotocopia del passaporto autenticata. Per limitare i rischi di furto o smarrimento del passaporto e del biglietto aereo – peraltro diffusi – si consiglia di lasciare gli originali e i documenti di viaggio in luogo sicuro.

Viaggi all’estero dei minori:

Dal giugno 2012 tutti i minori potranno viaggiare soltanto con un documento di identità individuale valido per l’espatrio e da tale data non sono più valide le iscrizioni dei minori sul passaporto dei genitori. Data la complessità dell’argomento invitiamo ad un controllo con le competenti autorità o a consultare il sito www.poliziadistato.it/articolo/1087-passaporto
Dette norme si intendono per cittadini italiani, per qualsiasi altra nazionalità si prega di consultare il proprio agente di viaggio per le modalità di espatrio.

VALUTA:
La moneta ufficiale è il Riel (KHR). 1 Euro vale 5.417 Riel mentre 1 dollaro americano vale 3.983 Riel. I dollari americani sono la valuta straniera di normale circolazione. Si consiglia di munirsi di banconote di piccolo taglio. Le principali carte di credito vengono accettate senza alcun problema in alberghi, negozi e ristoranti. Gli sportelli Bancomat, seppur in continua diffusione, sono ancora molto rari. Si raccomanda di cambiare piccole somme per volta, poiché i Riel eventualmente rimasti non potranno più essere convertiti.

FUSO ORARIO:
Sei ore in più rispetto all’Italia, cinque in più quando in Italia vige l’ora legale.

CERTIFICATI SANITARI:
Nessuna vaccinazione è obbligatoria al momento della pubblicazione. Non è richiesta alcuna profilassi sanitaria anche se è indicata, previo parere medico, la profilassi anti-malarica specie in caso di lunga permanenza nel Paese o di visita di zone particolarmente paludose, e le vaccinazioni contro l’epatite A e B.

CONSIGLI SANITARI:
E’ bene portare alcuni medicinali di uso comune in caso di febbre e influenze, soprattutto compresse contro eventuali disturbi gastro-intestinali, nonché farmaci di uso personale difficilmente reperibili sul posto. Si consiglia durante la permanenza di non consumare cibi e/o bevande di dubbia provenienza, di non mangiare verdure crude o frutta già sbucciata nei ristorantini a bordo delle strade, di bere solo acqua e bibite in bottiglia senza l'aggiunta di ghiaccio se non in esercizi pubblici che forniscono garanzie di igiene, e di dissetarsi con frequenza, per prevenire gli inconvenienti legati a fenomeni di disidratazione frequenti nei paesi tropicali. Si consiglia di stipulare una polizza assicurativa sanitaria adeguata che preveda, oltre alla copertura delle spese mediche, anche l'eventuale rimpatrio del malato.

ALBERGHI:
Abbiamo cercato di selezionare gli alberghi migliori e le strutture che meglio possono soddisfare le esigenze della nostra clientela, offrendo una ampia gamma di servizi dalla vacanza economica alla vacanza “deluxe”. La classificazione degli alberghi indicata da I Viaggi del Turchese si basa sulla qualità generale della struttura e dei suoi servizi. Può capitare talvolta che la Classificazione Ufficiale stabilita dall'Ente del Turismo possa discostarsi dal nostro giudizio. In genere nei paesi in cui esiste una categoria ufficiale la stessa è riportata accanto alla valutazione dei Viaggi del Turchese. Per ogni albergo, oltre alla scheda descrittiva relativa alla struttura ed ai servizi offerti, viene segnalato il nostro giudizio:

freestyle

IL NOSTRO GIUDIZIO:

Le categorie degli hotel talvolta possono deludere le aspettative del cliente poiché possono in alcuni casi discostarsi dal livello europeo. In calce ad ogni descrizione alberghiera abbiamo segnalato il nostro insindacabile giudizio nella speranza che possa essere d’aiuto nella decisione della struttura più adatta alle esigenze del viaggiatore.

SISTEMAZIONI:

Camere doppie: in genere sono a due letti; per letto matrimoniale si intende, spesso, il letto matrimoniale alla francese.
Camere triple: in genere sono a due letti più un letto aggiunto; può essere che in alcuni alberghi di categorie superiori sia un letto matrimoniale con un terzo letto aggiunto. Il letto aggiunto potrebbe essere una brandina o un divano/letto.
Camere triple con bimbi 02-12 anni: Per le modalità di svolgimento degli itinerari proposti, i minori sono spesso sconsigliati dal prendervene parte perché troppo giovani per godersi la vacanza. Nei programmi in cui la tabella quote non è prevista nessuna riduzione sono vivamente sconsigliati. Si segnala inoltre che in alcune strutture non è previsto letto aggiunto per bimbi 02-12 anni.
Ricordiamo che spesso queste camere non hanno metrature diverse dalle camere doppie, risultano perciò meno spaziose.
Camere singole: tutte le nostre quote sono basate sulla camera doppia, per le sistemazioni in singola si deve applicare il supplemento richiesto. In genere le singole sono camere standard doppie con "grand lit", a volte le stesse sono più piccole dello standard abituale, tutto questo nonostante sia richiesto un supplemento di quota.
Sistemazioni diverse:
Qualsiasi richiesta diversa da quanto indicato nelle singole tabelle, come ad esempio vista sul mare, camere comunicanti, vicine ed altro, dovrà essere formulata al momento della prenotazione. Verrà da noi segnalata all'albergo il quale si riserva di soddisfarla al momento dell'arrivo dei clienti ed è di conseguenza non garantita.

ABBIGLIAMENTO:
Si consiglia di portare abiti leggeri, comodi e di cotone come t-shirt, camicie e pantaloni larghi. Da non dimenticare un copricapo, un impermeabile in caso di pioggia, un paio di scarpe/scarponcini comodi e adatti a lunghe camminate sia in città che fuori, un maglioncino o una giacca leggera per proteggersi dai locali con aria condizionata. Inoltre sono da portare crema solare, occhiali da sole e repellente per zanzare, difficile da reperire in loco. È consigliabile evitare capi di tessuto sintetico. Tra i templi di Angkor gli uomini non possono camminare a torso nudo e le donne dovrebbero evitare abiti troppo succinti.

CLIMA:
La Cambogia è visitabile tutto l'anno. La temperatura media si aggira sui 25 gradi. Soltanto il passaggio dei monsoni crea il divario fra due stagioni e stabilisce il ritmo della vita agricola.  Da novembre a marzo soffia il monsone di nord-est, fresco, secco e portatore di poca pioggia. Da maggio ai primi di ottobre il monsone sud-ovest porta venti forti, un alto grado di umidità e frequenti precipitazioni. Fra queste due stagioni il tempo è variabile. La temperatura massima giornaliera va dai 35 gradi di aprile, il mese più caldo, ai 20 gradi di gennaio.

CUCINA:
La cucina cambogiana è simile a quelle cinese, vietnamita e thailandese ma fa un uso minore di spezie e non è così piccante (in genere aglio e peperoncino vengono serviti a parte). Un pasto cambogiano prevede quasi sempre la zuppa, principalmente di pesce, di maiale allo zenzero o di gamberetti. Gli ingredienti principali dei piatti cambogiani sono pesce e riso e tra i sapori più usati si segnalano coriandolo, menta e citronella. Molto diffuse anche le verdure e la frutta, molto saporita e mostrata come segno di abbondanza (viene spesso offerta come dono). Tra i dolci si trovano la torta di riso e il pudding preparato con i frutti dell'albero del pane.  La bevanda locale è il Teuk Tnaotricavata dalla pianta da sughero e servita a diversi livelli di fermentazione.

TELEFONI:
Dal Laos è possibile chiamare direttamente in Italia formando il numero 0039 seguito dal prefisso della città chiamata (incluso lo 0) e quindi il numero dell’abbonato. Per chiamare il Laos dall’Italia digitare il prefisso 00855 seguito dal prefisso della città chiamata (omettendo lo zero iniziale) e dal numero dell’abbonato (per informazioni sui costi consigliamo di contattare preventivamente il proprio gestore telefonico).

LINGUA:
La lingua ufficiale è il Khmer, ma sia il francese che l’inglese sono conosciuti e parlati dalla maggior parte della popolazione. E’ difficile, invece, trovare qualcuno che comprenda e parli l’italiano.

ELETTRICITÀ:
220 Volt/50Hz; è necessario l’adattatore universale.

ACQUISTI:
Si possono fare interessanti acquisti in Cambogia l'importante è trattare il prezzo anche se in genere, fuori dai centri turistici, i khmer sono persone ragionevoli. La seta cambogiana è rinomata in tutto il mondo e originali sono i kramar, sciarpe di cotone a quadretti che in Cambogia si usano in svariati modi: come copricapo, annodati in vita come sarong ma anche come marsupio per il trasporto dei neonati o come foulard. Da segnalare inoltre le riproduzioni dei bassorilievi di Angkor, manufatti in argento e moltissime altre curiosità realizzate ancora oggi con metodi tradizionali. 

MANCE:
Non sono mai obbligatorie, ma vengono molto apprezzate poiché integrano il salario delle personale di servizio, generalmente molto basso.

TASSE AEROPORTUALI:
Alcune compagnie aeree potrebbero richiedere il pagamento di eventuali tasse aeroportuali, che va effettuato in loco e in valuta locale. Le tasse aeroportuali possono essere soggette a variazione senza preavviso.

GOVERNO:
La costituzione del 1993 stabilì in Cambogia una monarchia costituzionale, devota ai principi di una democrazia liberale. Ciò è avvenuto a seguito delle elezioni organizzate dalle Nazioni Unite dopo i vari colpi di Stato e i tragici anni dei regimi di Lon Nol e Pol Pot (1970-1979). La carica di capo dello stato è ricoperta dal re (che però non esercita un grande influenza a livello politico), mentre il potere esecutivo è esercitato da un gabinetto di ministri guidato da un primo ministro. Quest’ultimo è designato dal re, con l’approvazione dell’Assemblea Nazionale. Il potere legislativo spetta a un Parlamento bicamerale: l’Assemblea nazionale, composta da 120 membri eletti a suffragio universale ogni cinque anni, e il Senato, i cui 61 membri sono eletti ogni cinque anni dai consigli amministrativi locali.Il partito che regge il Paese è di stampo comunista filo-vietnamita anche se fra i due paesi c’è ancora tensione.Amministrativamente, il Paese è suddiviso in venti province, ognuna con a capo un governatore. Ci sono poi quattro municipalità con lo status di governi provinciali. Ogni provincia è poi divisa in distretti, comuni e villaggi.

RELIGIONI:
La religione più diffusa è il buddismo. Sono presenti anche minoranze musulmane e cristiane.

PATENTE:
La legislazione locale richiede, per poter guidare sul territorio cambogiano, la conversione della patente internazionale in patente rilasciata dalle autorità cambogiane. Tale conversione ha un costo di circa USD 25. Spesso vengono noleggiati automobili e motociclette che presentano scarse garanzie di sicurezza. In aggiunta, la circolazione disordinata può esser causa di incidenti. È quindi consigliabile valutare con attenzione l'opportunità o meno di noleggiare un mezzo di trasporto.

NOTIZIE UTILI - ZONE SICURE:
La situazione politica appare sostanzialmente stabile dopo le turbolenze degli scorsi anni. Tuttavia si consiglia di adottare misure di prudenza durante il soggiorno e di tenersi informati sulla situazione evitando luoghi di eventuali manifestazioni. Tutto il territorio cambogiano, ad eccezione dei maggiori centri abitati, è potenzialmente zona a rischio. Sono, infatti, tuttora presenti mine e ordigni inesplosi. Le aree minate spesso non sono segnalate. Si raccomanda, pertanto, di non percorrere sentieri in aree rurali, incluse le zone intorno ai complessi archeologici e ai Templi.  Si suggerisce la massima cautela in tutto il Paese anche per le visite nella capitale, Phnom Penh, soprattutto nelle ore notturne. Si consiglia di visitare il Paese con viaggi di gruppo ben organizzati, evitando viaggi individuali, e di utilizzare esclusivamente mezzi di trasporto quali i taxi prenotati dagli alberghi, che assicurano un maggiore controllo. 

SUGGERIMENTI – USANZE LOCALIi:
Nei templi è obbligatorio togliere le scarpe prima di entrare nell'edificio con la principale immagine di Buddha, davanti alla quale i fedeli siedono sul pavimento rendendo omaggio senza mai rivolgere i piedi, considerata la parte meno nobile del corpo umano, verso l’immagine sacra. Non è consentito inoltre entrare un tempio in short o con altre parti del corpo scoperte, non è richiesto l’utilizzo di un capo d’abbigliamento particolare ma generalmente valgono tutte le accortezze che vengono adottate normalmente quando ci si accinge ad entrare in una chiesa cristiana, in una sinagoga oppure in una moschea. Non è consentito mettersi in posa accanto o davanti ad una statua del Buddha (ovvero dandole la schiena) poiché il gesto viene considerato estremamente irrispettoso. È vietato fotografare postazioni militari ed aeroporti, così come è meglio evitare di fotografare la gente che prega ed i monaci. Si suggerisce rispetto e sensibilità nel fotografare le persone: è consigliabile sempre chiedere prima il loro permesso, per evitare possibili discussioni. È meglio acquistare tutto il materiale fotografico in Italia. E’ meglio evitare il torso nudo per gli uomini e abiti troppo succinti per le donne.


Back To Top -->